I tempi cambiano

di Giacomo Lagona

Dall’anticipazione di qualche giorno fa, possiamo adesso darvi la notizia che il maestro Ongaro – segretario della Lega a Cordenons, e nelle settimane scorse al centro di un aspro dibattito sul nostro sito – ha decisamente saltato lo squalo.

In un’intervista al Messaggero Veneto di mercoledì scorso, il professor Luigi Lo Cigno accusa la provincia di Pordenone – nelle persone del vice presidente Grizzo, della dirigente Lenarduzzi, del consulente provinciale (nonché ex candidato di FI) professor Kobla Bedel e del maestro Ongaro in quanto utilizzatore finale – di averlo sedotto per delle lezioni di italiano agli stranieri, e abbandonato quattro mesi dopo per far spazio al più telegenico segretario leghista.
Come spiega il professor Lo Cigno a Chiara Benotti del Messaggero, «Il 27 dicembre mi hanno dato il benservito. Dopo gli accordi con l’ente locale di largo San Giorgio e molte ore investite per preparare il materiale didattico», sostanzialmente perché «cercavano qualcuno di televisivamente adatto», e con 39 anni di insegnamento di italiano alle spalle e di sperimentazione dell’integrazione anche nei corsi per immigrati, il professor Lo Cigno non era capace, secondo la provincia, di competere con il più fascinoso maestro Ongaro.

I corsi di alfabetizzazione per stranieri immigrati nei centri territoriali permanenti sono gratuiti, mentre le lezioni di “Parlare italiano si può” costano mille cocuzze, pardon euro, a puntata. Però volete mettere lo charme del maestro Ongaro con il suo perfetto italiano senza cadenze dialettali, e i poveri immigrati davanti ai teleschermi ipnotizzati da una lezione con un pessimo audio ma pagata da noi cittadini? Ma non c’è storia!
Gli stranieri iscritti ai corsi di italiano nei CTP sono circa 1300 suddivisi tra Pordenone, San Vito, Prata e Sacile. Con 17 docenti tra italiano, matematica e educazione tecnica, e lo stesso numero per gli insegnanti di madrelingua. Le venti puntate previste con il maestro Ongaro costano alle nostre tasche 20mila euro: non era meglio destinarli all’interculturale Cpt, che ad una trasmissione voluta (e ottenuta, per ovvi motivi) dallo smisurato ego leghista? Non è una nomina clientelare però, è la sana vecchia raccomandazione di una volta.

Mario Ongaro potrebbe essere il candidato sindaco di Cordenons alle elezioni dell’anno prossimo. No, tanto per avvisarvi…

È proprio vero, i tempi cambiano… in peggio!

Annunci

Un pensiero su “I tempi cambiano

  1. Pingback: Lifestream [23 January 2010] | OpenWorld

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...