Archivi tag: Renzi

Matteo Renzi a Pordenone

Come deciso coralmente dall’Assemblea Nazionale del PD di sabato scorso,

DOMENICA 25 Novembre (con l’eventuale ballottaggio del 2 Dicembre), si svolgeranno in tutto il Paese le “PRIMARIE” per l’indicazione del candidato Presidente del Consiglio dei Ministri per il CentroSinistra.

La medesima Assemblea, modificando lo Statuto Nazionale, ha reso possibile la partecipazione di più candidati del PD, oltre a quella del Segretario On. PIERLUIGI BERSANI.

Il PD Provinciale di Pordenone, nell’intento di garantire parità di trattamento a tutti i candidati del PD, è impegnato a diffondere opportuna informazione delle iniziative che ciascuno di loro vorrà realizzare nel Pordenonese.

Conseguentemente, si informa che

VENERDÌ 12 Ottobre alle ore 21.00 a PORDENONE, presso il Palazzetto dello Sport, è organizzato l’incontro con il candidato MATTEO RENZI, Sindaco di Firenze.

Antonio Ius, Segretario provinciale Pd

Pubblicità

Primarie: Renzi a Che tempo che fa

Matteo Renzi, dopo Pierluigi Bersani ieri, è stato ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa: «Se perdo darò una mano, senza chiedere in cambio premi di consolazione. Mi fido di Bersani, non possiamo bloccarci sulle regole». «Io non sono membro dell’Assemblea. Ma il problema non è la partecipazione a quella riunione, che ha stabilito delle regole che non condividiamo». «Tony Blair è l’unico dirigente della sinistra europea che ha vinto delle elezioni. Chi mi dice che somiglio a Blair io gli pago la pizza o la cena». Di seguito l’intervista a Renzi.

Continua a leggere

Primarie: Bersani a Che tempo che fa

Pierluigi Bersani, segretario del Partito Democratico e concorrente alle prossime primarie per il candidato premier del centrosinistra, domenica sera è stato ospite di Che tempo che fa, il programma di Fabio Fazio su Rai 3. Fazio ha annunciato che nella puntata di Che tempo che fa di lunedì sera – cioè stasera – avrà ospite anche Matteo Renzi, il principale rivale di Bersani alle primarie. Di seguito il filmato con l’intervista al segretario.

Continua a leggere

Fermiamoci alla prossima fermata

Alla Stazione Leopolda di Firenze, Pippo Civati e Matteo Renzi presentano la tre giorni di “Prossima fermata: Italia“, la kermesse di quella meglio gioventù che i giornali hanno definito “rottamatori”. A Firenze il sindaco Renzi e il consigliere lombardo Civati, stanno dando la parola a tutte quelle persone che vogliono cambiare in meglio l’Italia. Chiunque può intervenire, purché si iscriva a parlare e aspetti il suo turno (nella mattinata di domenica erano poco più di settemila registrazioni). Ogni relatore ha cinque minuti, non uno di più, per permettere l’intervento del maggior numero possibile di persone. Al termine dell’incontro saranno stilati due documenti. Il primo dovrebbe essere una sorta di “vocabolario”, contenente i contributi presentati durante le tre giornate. Il secondo è quello che Renzi ha chiamato “la carta di Firenze, il senso di ciò che ci unisce”.

L’evento negli ultimi giorni ha rimesso il tema del rinnovamento – politico, tematico, generazionale – all’interno dell’agenda del PD e del centrosinistra, sebbene nei termini conflittuali e capricciosi in cui siamo abituati a vedere discutere le cose nel centrosinistra. La più nota delle proposte dei promotori è quella di limitare a tre il numero dei mandati parlamentari possibili, e questa richiesta insieme al successo giornalistico della definizione “rottamatori” ha creato qualche malumore e persino accuse di maleducazione. Gli organizzatori dicono però che a Firenze non si parlerà del PD e della sua situazione interna, bensì del paese: ogni relatore proporrà all’assemblea un contributo, una proposta, legata al futuro dell’Italia e a partire da una parola chiave ben precisa.

Pubblichiamo alcuni degli interventi che riteniamo importanti e ci sono piaciuti di più.

Continua a leggere

Numeri

Separati in casa” – la puntata di Annozero di giovedì sera senza primedonne della politica e con facce nuove del PD – ha fatto il 23,89% di share, uno dei più alti risultati di sempre e il più alto degli ultimi mesi.