Attacco israeliano a convoglio umanitario [live!]

Protest at Israeli ambassador's residence in Ankara

All’alba di stamattina l’esercito israeliano ha attaccato la nave turca Mavi Marmara che faceva parte della Freedom Flottilla partita da Cipro per portare aiuti umanitari alla Striscia di Gaza. Secondo gli ultimi aggiornamenti ci sarebbero almeno 19 morti e una sessantina di feriti. La situazione è molto difficile, cercheremo di aggiornare quasi in tempo reale qua sotto.

Ore 23.50: i morti sarebbero “solo” nove, i feriti 34 e gli arrestati tra gli attivisti 32, almeno a quanto dice Haaretz su Twitter.

Ultimo aggiornamento ore 22.30 – In tarda serata il sottosegretario Gianni Letta spiega di non sapere nulla sulla sorte dei cinque italiani imbarcati sulla Flottilla, presumibilmente sono stati arrestati e, come il freelance Manuel Zani, non hanno voluto essere espatriati per accettare l’iter giudiziario e far luce su quanto è successo. Haaretz dice che i morti sono nove, 34 i feriti e 32 gli attivisti arrestati. Milano, Roma, Napoli e Bologna sono le città in cui si sono svolte le manifestazioni pro-Palestina. A Roma è tensione davanti alla zona ebraica della capitale, quando alcuni manifestanti hanno urlato “assassini fascisti” verso degli italo-israeliani. In Grecia la polizia è costretta a lanciare lacrimogeni per l’esuberanza dei 2500 protestanti davanti all’Ambasciata israeliana.

Il vice segretario generale della Nato Claudio Bisogniero, in mancanza del segretario in visita in Lettonia, domani presiederà una riunione dei capi del Patto Atlantico per discutere della crisi mediorientale. Alle 17.00 ora locale, la nave turca Mavi Marmara attracca nel porto di Ashdod in Israele dove circa 80 passeggeri vengono arrestati e il resto viene espulso.  “I soldati hanno cominciato a sparare non appena hanno messo piede sulla nave. Hanno sparato anche a civili che dormivano”, è il comunicato di Free Gaza Movement su Twitter. Gino Strada per conto di Emercency condanna categoricamente l’eccidio di Gaza: “Quello che è certo è che, ancora una volta, si è scelto di usare lo strumento della violenza, anzichè le armi della politica e del dialogo, e a farne le spese sono i civili”. «Esprimo grande rammarico per i morti e i feriti, ma è necessario sottolineare che la flottiglia ha portato avanti una provocazione che nulla ha a che vedere con intenti umanitari, altrimenti avrebbe accettato la richiesta che Israele le rivolgeva da giorni di far attraccare le navi al porto di Ashdod per essere ispezionate prima di far passare i doni a Gaza. La flottiglia ha invece raggiunto il proprio obiettivo, ovvero creare una grave crisi nei rapporti internazionali con un’azione di disturbo da parte di gruppi simpatizzanti di Hamas a bordo della nave. L’organizzazione terroristica, va ricordato, ha giurato di distruggere Israele e governa la Striscia di Gaza illegalmente da 3 anni danneggiando in primis la popolazione palestinese» dichiara Fiamma Nirenstein, Vicepresidente della Commissione Esteri della Camera. Continua a leggere

Pubblicità

links for 2010-05-31

  • Un mondo senza stereotipi, dove non è vero che le donne sono tutte sensibili e gli uomini tutti competitivi, gli svizzeri tutti precisi e gli spagnoli tutti appassionati, gli anziani tutti equilibrati e maturi e i giovani… beh, i giovani loro-sì-che-ci-sanno-fare-col-computer. […] Il rischio che si corre avendo un premier di 74 anni è che capiti di essere governati da uno che quello sforzo possa aver ben deciso di non farlo, e si vede qual è il ruolo delle donne in questo paese: quest’anno siamo al 72° posto nel Gender Gap Index del World Economic Forum, saldamente dopo il Botswana (39°) e l’Uzbekistan (58°). Complimenti.
  • L’operazione Top Kill, ovvero chiudere la falla riversando del fango ad alta pressione e dopo versare del cemento per tapparla definitivamente, non è riuscita nemmeno stavolta a bloccare la fuoriuscita di greggio nel Golfo del Messico, quindi i dirigenti della British Petrolium – la società britannica responsabile della sciagura – non sanno più che santo pregare per scongiurare un disastro ambientale di proporzioni ciclopiche.

Quando si hanno dei buoni amici…

di Giacomo Lagona

Ieri è stata la volta del presidente venezuelano Hugo Chávez, accolto tra baci e abbracci dal ministro degli esteri Frattini a Panama City. Il giorno prima Frattini aveva scelto proprio la capitale del Venezuela Caracas per dedicarsi a uno dei passatempi preferiti dal presidente Chávez: attaccare le associazioni umanitarie e per i diritti umani. Frattini se l’è presa con Amnesty International per via del suo rapporto sui respingimenti, definito “indegno per il lavoro dei nostri uomini, delle nostre donne e delle forze di polizia che ogni giorno salvano persone” (come se fossero i poliziotti a determinare le politiche sull’immigrazione del governo). L’anticomunismo del governo italiano e l’antiliberismo del governo venezuelano vengono messi da parte in un attimo da una serie di accordi sulla realizzazione di infrastrutture in cambio di petrolio.

Ha detto Frattini: “La stima e il rispetto sono le basi sulle quali abbiamo firmato gli accordi che ci permetteranno di rafforzare una cooperazione importante economicamente e centrata su infrastrutture, energia, salute e cultura. L’Italia metterà a disposizione del Venezuela la tecnologia necessaria ed aiuterà a cercare nuove forme di finanziamento perché il grande programma che sta realizzando il presidente Chávez possa essere realizzato con l’appoggio delle imprese italiane”. L’augurio è che il “grande programma” di cui parla Frattini non abbia a che fare con le cose elencate nei rapporti di Amnesty InternationalHuman Rights Watch: l’arresto di politici dell’opposizione, dei giudici e dei prefetti “non allineati”, la chiusura dei canali televisivi privati, i rapporti con le FARC, con Hamas ed Hezbollah, la scure sui mezzi di comunicazione che “minacciano la stabilità delle istituzioni”, l’esercito inviato nelle regioni governate dall’opposizione, la costituzione modificata a piacimento, leminacce di ritorsioni militari fatte agli elettori prima delle elezioni, le organizzazioni umanitarie espulse dallo stato.

In ogni caso, Chávez non è che l’ultimo degli amici imbarazzanti del governo Berlusconi. C’è il dittatore libico Mu’ammar Gheddafi, arrivato al potere con un colpo di stato militare nel 1969, che accolse come martiri i terroristi di Settembre nero, che introdusse in Libia la shar’ia e la trasmissione televisiva delle fustigazioni, che sostenne il dittatore ugandese Idi Amin Dada (responsabile di oltre cinquecento mila morti, secondo Amnesty International) e a Bokassa, altro dittatore sanguinario e cannibale. Gheddafi e il suo regime furono i responsabili, secondo le Nazioni Unite, dell’attentato terroristico più grave e sanguinario mai realizzato prima dell’11 settembre: un aereo passeggeri esplose sopra Lockerbie, in Scozia, uccidendo duecentosettanta persone. Oggi la Libia è una dittatura militare: i partiti politici sono stati aboliti nel 1972, i sindacati non esistono, la successione avviene secondo la linea dinastica. Anche Gheddafi viene portato in palmo di mano da Berlusconi, e ancora ci ricordiamo della condiscendenza con cui il governo lo accolse in Italia, sopportandone la boria e le bizzarre richieste – la tenda a villa Torlonia, le giovani hostess, eccetera – senza aprire bocca sulle violazioni dei diritti umani di cui lo accusano da anni le organizzazioni umanitarie.

C’è il bielorusso Aleksandr Lukashenko, noto anche come “l’ultimo dittatore d’Europa”. Diventa presidente nel 1994, si estende il mandato, modifica la costituzione, riesce a governare con un parlamento in cui gode di una maggioranza schiacciante: il cento per cento. Si ricandida, viene rieletto, toglie i limiti al numero dei mandati: il tutto tra le critiche degli organismi internazionali, che considerano scorrette e inaffidabili le procedure elettorali. Nel 2006 viene rieletto per un terzo mandato: e anche stavolta l’OCSE considera le elezioni non valide, a causa delle limitazioni alla libertà dei cittadini. Chiude venti giornali indipendenti in due anni, perseguita gli omosessuali, mette in prigione – e condanna a morte – decine di prigionieri politici. Un curriculum di tutto rispetto. Da quando Lukashenko è presidente, nessun capo di governo europeo aveva messo piede in Bielorussia. Fino all’anno scorso, quando Berlusconi è andato a Minsk ed è stato accolto con grandi onori e salamelecchi. Salamelecchi ricambiati: “La gente vi ama”, disse Berlusconi, “l’amore del popolo bielorusso per il premier Lukashenko si vede dai risultati elettorali sotto gli occhi di tutti”.

E poi il primo ministro russo, già presidente per due mandati, Vladimir Putin. L’elenco delle violazioni dei diritti umani in Russia è sterminato, almeno quanto l’elenco delle effusioni pubbliche che Putin e Berlusconi si sono scambiati in questi anni. E ci siamo già occupati di una parte degli abusi di cui Putin è accusato dalle organizzazioni per i diritti umani di tutto il mondo. Tra tutti i suoi innumerevoli difetti, questa politica estera potrebbe avere persino un pregio, almeno: la coerenza. Se non fosse però che mentre nei giorni dispari il governo Berlusconi va a braccetto con i regimi autoritari, nei giorni pari si dice grande atlantista, difensore della democrazia e dei diritti umani, fondatore e leader di un sedicente popolo della libertà.

Ci sono alcuni articoli che non possono solo essere citati in alcune loro parti, ma devono necessariamente leggersi per intero. Come quello di Costa sul Post che vi ho proposto tutto perché, oggettivamente, non riesco a farne una sintesi che regga il confronto. Bravo Francesco!
Bookmark and Share

Una finanziaria di sacrifici. Le controproposte del Partito Democratico

Cari democratiche, cari democratici

il Governo della destra ha scoperto la crisi. E la favola che per mesi la coppia Tremonti-Berlusconi ha raccontato agli italiani è finita. Le riforme? Neanche a parlarne, solo tagli. Indiscriminati. “Ci hanno raccontato che i conti erano in equilibrio, invece non è vero niente. – ha ricordato Pier Luigi Bersani – La Grecia non c’entra nulla: è un problema nostro. E non vedo riforme”

L’improvvisazione è stato l’unico programma di questo Esecutivo che ora tenterà di porre rimedio ai suoi errori con una manovra tardiva e inadeguata. Una finanziaria dura che proteggerà i forti e metterà in ginocchio i più deboli. L’equità è per noi obiettivo primario. La manovra annunciata non pare coglierlo. La nostra proposta di finanziaria, presentata da Enrico Letta, parla chiaro e, tra gli altri punti della sua contromanovra, chiede un aiuto concreto per sostenere l’occupazione e la crescita: una norma che preveda ‘tasse zero’ per i primi due anni per le aziende che assumeranno a tempo indeterminato.

Non c’è ossigeno neanche per gli Enti Locali. La manovra da 24 miliardi ne scarica 13 sul Patto di Stabilità, compromettendo la qualità e la quantità dei servizi ai cittadini. E le critiche fioccano, persino dai presidenti della Lombardia e della Calabria, Formigoni e Scopelliti. Sono disfattisti sinistri anche loro? Forse è troppo facile per Berlusconi nascondersi dietro alle citazioni deplorevoli di Mussolini per ricordare che lui non ha potere. Una pessima scusa di cattivo gusto? Un certo capitano ha già lasciato la nave prima che affondi. Un bel servizio al Paese.

A presto!
Bookmark and Share

Attacco talebano in Pakistan, un centinaio tra morti e feriti

photo

Gli Ahmadi sono una setta musulmana fondata nel 1889 da Hazrat (Eccellenza) Mirza Ghulam Ahmade. Le loro credenze includono che Gesù Cristo sia sopravvissuto alla crocifissione e sia morto in Kashmir, mentre altri ritengono che dopo Maometto ci siano stati altri profeti sconfessando completamente la fede musulmana la quale indica il Profeta come l’ultimo profeta e, quindi, il fondatore dell’Islam. In Pakistan sono stati dichiarati minoranza non-musulmana ed è stato vietato loro di svolgere qualsiasi pratica religiosa compresa la preghiera islamica.

Su queste basi il TTP Punjab – organizzazione di talebani pakistani legata ad Al Qaeda – ha rivendicato l’aggressione alle moschee Ahmadi di Garhi Shahu e Model Town a Lahore: capitale del Punjab pakistano, considerata la capitale culturale del Pakistan e seconda città dopo Karachi. Secondo quanto riporta Reuters, due gruppi di terroristi hanno attaccato le due moschee e dato battaglia per le strade all’arrivo della polizia, a Garhi Shahu tre uomini si sono fatti saltare in aria mentre a Model Town la situazione sarebbe stata riportata alla normalità solo da poco dopo che un attentatore è stato arrestato e l’altro ucciso. Sul campo, secondo la NBC, rimangono 80 morti e decine di feriti.

Vi terremo informati su eventuali aggiornamenti.
Bookmark and Share

Caro De Benedet la chiarezza è d’obbligo

Tanti per cambiare

Partito Democratico
Circolo di Cordenons

Comunicato Stampa

Cordenons 28 maggio 2010

CARO DE BENEDET LA CHIAREZZA E’ D’OBBLIGO

Su Il Gazzettino di oggi si legge che Cesare De Benedet rivendica la buona educazione per tutti in Consiglio comunale. Il principio è giusto e condivisibile, ma bisogna praticare anche i principi dell’onestà intellettuale e della chiarezza. Va detto che la maggioranza ha concesso a De Benedet ampia libertà di movimento, anche dopo la presa di distanza dal “titolare” della Lista civica Franco Vampa nel momento in cui questi ha apertamente dichiarato la sua appartenenza al centrosinistra. Ora, non sfugge più a nessuno che De Benedet, negli ultimi tempi, esprime valutazioni politiche e vota in modo sistematicamente difforme dalla maggioranza senza confronto preventivo. A questo punto anche la buona educazione vorrebbe che De Benedet fosse più limpido e dicesse a tutti, maggioranza, opposizione e cittadini da che parte intende stare e perché.

Giovanni Ghiani
Segretario del circolo del Pd di Cordenons

Il grande male italiano chiamato evasione fiscale

SULL’EVASIONE PARLANO I DATI ” DI ALESSANDRO SANTORO

Da I Mercati 27/05/2010

Con la preparazione della nuova manovra finanziaria torna alla ribalta la discussione sull’evasione fiscale e sui modi per contrastarla. Prima di tutto, però, sarebbe necessario capire che cosa è accaduto in questi ultimi anni. I dati ci dicono che affidare la lotta all’evasione solo a strumenti che agiscono a valle delle dichiarazioni non è sufficiente. Bisogna invece riflettere su forme di contrasto a monte, soprattutto in un sistema economico come il nostro dove agiscono sei milioni di partite Iva.

In Italia, come del resto in altri paesi, le statistiche sull’evasione fiscale sono scarne. Per limitarsi a quelle più recenti e affidabili, disponiamo oggi delle stime dell’ufficio studi dell’Agenzia delle Entrate (Usage) sull’evasione dell’Iva (dal 1982 al 2004) e dell’Irap (dal 1998 al 2002), nonché di quelle dell’Istat sul sommerso economico (fino al 2006, ma con una rottura nella serie dal 2000). Questi dati dicono alcune cose interessanti, e relativamente poco note, sull’andamento dell’evasione delle imposte ad ampia base imponibile, come l’Iva e l’Irap, e sul sommerso economico. La loro interpretazione, tuttavia, rimane in larga parte inesplorata.

LA SECONDA METÀ DEGLI ANNI NOVANTA E I PRIMI ANNI DUEMILA

Le fonti citate indicano per questo periodo o per parti di esso una diminuzione dell’evasione dell’Iva, dell’Irap e del sommerso economico come risultante dalla vecchia serie Istat. Per l’Iva si passa dal 36,1 per cento del totale nel 1996 al 31,2 per cento del 2001, con un valore minimo del 26,9 per cento nel 1999. (1) Per l’Irap dal 27,3 per cento del totale nel 1998 al 21,9 per cento del 2001. (2) Per il sommerso la media passa dal 16,45 per cento del Pil del 1996 al 15,65 per cento del 2001. (3)

Non è semplice capire le ragioni di questi fenomeni. Un primo fattore è probabilmente il più ampio ricorso alle tecnologie informatiche, che hanno reso possibile l’incrocio dei dati dichiarati al fisco in tempi brevi e che, anche grazie all’innovazione del fisco on-line, hanno generato nei contribuenti la percezione di una maggiore capillarità dell’azione di dissuasione. Secondo alcuni potrebbero avere avuto un peso anche la riorganizzazione dell’amministrazione finanziaria e l’adozione del modello per Agenzia, più snello ed efficiente rispetto a quello precedente. Vi è anche chi enfatizza il ruolo delle innovazioni normative di quel periodo, come l’adozione degli studi di settore, nonché l’effetto-Visco, riassumibile con l’idea di un messaggio coerentemente severo nei confronti dell’evasione.

L’inizio del secolo segna un’inversione di tendenza per l’evasione dell’Iva, che torna a crescere in particolare dal 2003, raggiungendo, secondo Usage, il 33 per cento della base imponibile teorica nel 2004. Al contrario, la nuova serie Istat sul sommerso economico testimonia una continua riduzione dal 2000 (media pari al 18,7 per cento) al 2005 (17 per cento). (4) In quest’ultimo caso è relativamente più semplice comprenderne le ragioni, perché è la stessa Istat a indicarle nella sanatoria dei lavoratori immigrati irregolari del 2002.

Per quanto riguarda la ripresa dell’evasione dell’Iva, una spiegazione potrebbe essere connessa con il ruolo giocato dalle compensazioni indebite, che, grazie alla creazione di crediti fasulli dovuti all’occultamento del fatturato (o alla contabilizzazione di falsi costi), potrebbe aver funzionato come un vero e proprio bancomat dell’evasione. (5) Inoltre, l’affievolirsi progressivo dei ricavi presunti dagli studi di settore, dovuto anche alla massiccia manipolazione dei dati da parte dei contribuenti, potrebbe aver giocato un ruolo negativo non trascurabile.

GLI ANNI DAL 2006 IN POI

Il 2006 è l’ultimo anno per cui (a oggi) possediamo delle stime ufficiali, quelle dell’Istat, che indicano una riduzione del valore medio del sommerso economico di circa 0,9 punti percentuali in quota di Pil tra il 2005 e il 2006. La riduzione è dovuta quasi esclusivamente alla minor incidenza della componente di occultamento del fatturato (e di sovra dichiarazione dei costi intermedi), che è diminuita di 0,7 punti percentuali sul Pil in un anno. La stessa Banca d’Italia stimava in circa il 15 per cento la parte di aumento di gettito riconducibile all’aumento del grado di adesione “indotto dall’intensificarsi dei provvedimenti di contrasto dell’evasione” e a “modifiche strutturali” tra cui “l’aumento del peso della grande distribuzione”. (6) Quest’ultimo accenno è particolarmente interessante perché nell’analisi prevalente l’influenza dell’organizzazione e della dimensione di impresa sull’evasione è sottovalutata rispetto ai fattori tradizionali (la probabilità di un controllo e l’entità delle sanzioni) e a quelli morali e culturali. Le stime dell’Istat e della Banca d’Italia avvalorano quindi, quantomeno per il 2006, le rivendicazioni del governo Prodi sui risultati ottenuti nella lotta all’evasione.

Per gli anni successivi al 2006 non disponiamo ancora di stime ufficiali. Tuttavia, risulta utile uno sguardo a un indicatore indiretto ma significativo, ovvero il rapporto tra il gettito netto dell’Iva e alcune grandezze macroeconomiche di riferimento: i consumi delle famiglie e le risorse interne, pari alla somma del Pil e delle importazioni nette. Se la propensione all’evasione fosse costante nel tempo, questi rapporti dovrebbero essere anch’essi costanti quando le aliquote e le basi imponibili sono stabili. Ebbene, analizzando questi rapporti si nota che hanno andamenti simili a quelli degli indicatori dell’evasione descritti in precedenza, con un aumento tra il 1996 e il 2000 e una riduzione negli anni successivi fino al 2005, un incremento nel biennio 2006-2007 e una nuova riduzione nel biennio successivo (si veda la figura 1). In assenza di spiegazioni alternative – l’aumento della quota di consumi destinati a beni ad aliquota ridotta, pur avvenuta nel 2008, non è infatti in grado di spiegare il fenomeno se non in minima parte – l’ipotesi di un incremento della propensione all’evasione in questi ultimi due anni è più che plausibile. Secondo alcune tesi, potrebbe essere riconducibile alla crisi, che, colpendo una fascia di Pmi e lavoratori autonomi privi di coperture, ha indotto il ricorso all’evasione come una sorta di ammortizzatore sociale occulto.

Figura 1: L’Iva di competenza in rapporto ai consumi e alle risorse interne: 1996 – 2009

Per quanto carenti siano le nostre conoscenze sull’evasione e sulle politiche idonee a ridurla, i dati del biennio 2008-2009 – quando accertamenti e riscossioni sono aumentati molto ma anche l’evasione è cresciuta – nonché altre informazioni (ad esempio, il paradosso che l’incidenza dell’evasione sia maggiore nelle regioni in cui è più elevata la probabilità di essere accertati), ci dicono che affidare la lotta al fenomeno solo a strumenti che agiscono a valle delle dichiarazioni non è sufficiente. L’arrivo nel 2011 del nuovo “redditometro” non farà eccezione a questa regola. È quindi necessario aprire una discussione specifica sugli strumenti di contrasto dell’evasione a monte, soprattutto in un sistema economico come il nostro dove agiscono 6 milioni di partite Iva. Su questo tema ci ripromettiamo di tornare in un prossimo futuro.

(1) “Le basi imponibili Iva. Aspetti generali e principali risultati per il periodo 1980-2004”, a cura di S. Pisani e M. Marigliani, Documenti di lavoro dell’ufficio studi dell’Agenzia delle Entrate, 2007/7, http://www.agenziaentrate.it/ufficiostudi.
(2) “Analisi dell’evasione fondata su dati Irap. Anni 1998-2002”, a cura di S. Pisani e C. Polito, Documenti di lavoro dell’ufficio studi Agenzia delle Entrate, 2006/2, http://www.agenziaentrate.it/ufficiostudi.
(3) Cfr. La misura dell’economia sommersa secondo le statistiche ufficiali, Anno 2002, 5 ottobre 2004, Istat.
(4) Vedi “La misura dell’economia sommersa secondo le statistiche ufficiali”, Anni 2000-2006, 18 giugno 2008, Istat.
(5) La crescita tumultuosa delle compensazioni Iva indebite, come nuova forma di evasione fiscale degli anni Duemila, è sostenuta da R. Convenevole in “La materia oscura dell’Iva”
(6) Relazione annuale del Governatore della Banca d’Italia, 2006, pp. 136-137.

( Fonte: lavoce.info)
Bookmark and Share

Fa parte della manovra

di Giacomo Lagona

Nella manovra economica appena descritta dal governo, una parte saliente del taglio alla spesa pubblica è l’eliminazione delle province. Lo avevano promesso in campagna elettorale ed infatti – dopo due anni – Berlusconi e i suoi hanno deciso di abolire sei enti provinciali in surplus: Asti, Massa Carrara, Biella, Vibo Valentia, Fermo e Rieti.

Ma perché solo sei e non tutte o buona parte di esse? Stando a quanto scrive l’Ansa, le province che verranno “abbattute” sono quelle «con meno di 220mila abitanti, che non confinano con Stati esteri e che non sono nelle regioni a Statuto speciale». In una lista che girava stamattina, c’erano conteggiate anche Matera Crotone e Isernia, quindi si arrivava ad un totale di nove province più quella di Ascoli, che essendo limitrofa a Fermo, pare che delle due se ne faccia una. Inoltre, seguendo il ragionamento di Antonio Sgobba, Isernia e Matera verranno lasciate perché sia il Molise che la Basilicata hanno due sole province e con i tagli diverrebbero mono-provinciali. Quasi lo stesso discorso si profila per la Calabria della quale verrà abolita solo una provincia su due in lista.

Facendo un rapido calcolo, le province con meno 220mila abitanti da abolire erano 24, ma togliendo le regioni a statuto speciale (FVG, Trentino, Val d’Aosta, Sicilia e Sardegna) e le province confinanti con stati esteri (in Liguria, Val d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli e Trentino), rimangono in realtà solo Asti, Matera, Ascoli, Massa Carrara, Biella, Crotone, Vibo Valentia, Fermo, Rieti e Isernia. Se togliamo le quattro per i motivi citati sopra, le rimanenti sei città vedranno accorpati gli enti provinciali a quelli più vicini.

Rimangono i dubbi per alcune province rimaste di cui si inizia a pensar male: Sondrio città natale di Tremonti; Lodi (appena diventata leghista) con 225mila abitanti; Terni con poco meno di 223mila. E poi quelle con meno di 220mila residenti: Aosta, Vercelli (unica città confinante con la Svizzera: Alagna Valsesia), Imperia, Sondrio, Verbano-Cusio-Ossola, Belluno, Gorizia, Pordenone, Enna, Oristano, Nuoro, Olbia-Tempio, Carbonia Iglesias, Medio Campidano, Ogliastra, ecc. ecc.

In questo momento in tv Berlusconi sta spiegando la manovra e sta dedicando molto tempo nel dire che sono 24mld presi ai falsi invalidi, agli evasori fiscali e agli stipendi dei dipendenti pubblici, che l’ennesimo taglio agli enti locali i quali si vedranno ridurre notevolmente – quasi non fossero con l’acqua alla gola già ora – il loro ben misero budget.

Già lo sappiamo, con le cinque province abolite il governo metterà nel paniere l’ennesima promessa mantenuta perché tanto a pagare saranno sempre i soliti fessi. Ma tant’è…

Aggiornamento ore 21.30. Sul sito del Ministero dell’Economia è riportata la lista dei tagli di questa manovra. Alcuni spunti aperti in questo post:

Enti inutili
Sono soppressi una ventina di enti tra i quali i seguenti enti previdenziali: Ipsema, Ispesl e Ipost. I primi due confluiscono nell’Inail, il terzo nell’Inps. Sono soppressi anche Isae, Eim (Ente italiano montagna) e l’Insean (Istituto nazionale per studi e esperienze di architettura navale) con accorpamento ai ministeri di riferimento. Sono soppressi anche l’Ias (Istituto affari sociali) che confluisce nell’Isfol e l’ Enappsmsad (Ente nazionale di assistenza e previdenza per i pittori e scultori, musicisti, scrittori ed autori drammatici), che confluisce nell’Enpals.
Il Comitato per l’intervento nella Sir è soppresso dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Il relativo patrimonio è trasferito a Fintecna. I proventi derivanti dalla liquidazione degli enti disciolti sono destinati al fondo per il finanziamento della partecipazione dell’Italia alle missioni internazionali di pace.
Le società pubbliche non quotate in perdita per tre esercizi consecutivi non possono ricorrere ad aumenti di capitale, trasferimenti straordinari o aperture di credito.
Enti inadempienti
Verrà meno il finanziamento pubblico per circa duecento enti che non hanno risposto alle richieste di informazione inviate nei mesi scorsi per conoscere l’utilizzo dei finanziamenti a carico del bilancio dello Stato.
Province
Sono abolite 10 piccole Province (con meno di 220.000 abitanti, non ricadenti in regioni a statuto speciale)

Il testo non riporta quali siano queste province, ma ad intuito sembrano quelle circolate stamattina – Matera, Isernia, Biella, Rieti, Massa Carrara, Crotone, Fermo – più alcuni dietro front come Asti e Sondrio, e l’accorpamento di Fermo nuovamente ad Ascoli Piceno. Nel frattempo il Corriere intervista alcuni presidenti rivoltosi e le accuse volano a destra e a sinistra.

Aggiornamento ore 21.40. Le province abolite sono in Piemonte Biella e Vercelli; in Toscana, Massa Carrara; nelle Marche, Ascoli Piceno e Fermo; nel Lazio, Rieti; nel Molise, Isernia; nella Basilicata, Matera; in Calabria, Crotone e Vibo Valentia.

Aggiornamento ore 21.50. Il Corriere in un flash riporta la marcia indietro di Tremonti: «Non ci sarà nessuna abolizione. Per eliminare tutte le province occorrerebbe cambiare la Costituzione»
Bookmark and Share

Il leghismo e la falsa sensibilità sociale

Tanti per cambiare

Partito Democratico
Circolo di Cordenons

Comunicato Stampa

Cordenons 26 maggio 2010

LA FALSA SENSIBILITA’ SOCIALE DI MARIO ONGARO

Sentirsi dire dal leghista Mario Ongaro che siamo insensibili verso le necessità sociali delle famiglie perché per accedere ai punti verdi estivi bisogna essere in regola con i pagamenti dovuti al Comune è il colmo. Da che pulpito viene la predica.
Si sappia che l’Amministrazione Mucignat non ha lasciato, e non lo farà mai, a pane e acqua i bambini perché i loro genitori non hanno ancora pagato la mensa scolastica come è successo al contrario in certi comuni amministrati dalla Lega Nord! Piuttosto che fare tanta retorica sul federalismo, la Lega dovrebbe invece battersi perché i Comuni non vengano tartassati (vedi la nuova manovra di Tremonti) da parte dello Stato il quale scarica sui sindaci l’incombenza di dover fare fronte a servizi importanti per le famiglie ma senza le risorse sufficienti per farlo.
Va detto che, comunque, nonostante la scarsità generalizzata di risorse, questa Amministrazione ha deciso di mantenere i “punti verdi” mentre in altre realtà hanno scelto di chiuderli. Inoltre non ha aumentato le quote d’iscrizione (che peraltro sono tra le più basse in provincia) proprio perché sa che i 200 posti disponibili sono per diversi genitori l’unica possibilità per continuare a lavorare lasciando i propri figli in buone mani.
Infine, contrariamente a ciò che dice Ongaro, i servizi sociali di Cordenons, da quando è il centrosinistra a governare, non hanno mai negato i sostegni economici necessari a quelle famiglie che hanno dimostrato di essere in oggettiva difficoltà.
Quindi, la patente di “insensibilità socialei leghisti come Ongaro l’attribuiscano a se stessi, visto che quando erano al governo della città hanno contribuito a procurare il dissesto dei servizi sociali comunali a danno dei cittadini.

Giovanni Ghiani
Segretario Circolo PD Cordenons